Close
Free HTML5 Bootstrap Template

Il riconoscimento della raggiunta parità esiste per ora negli articoli della nuova Costituzione.
Questo è un buon punto di partenza per le donne italiane, ma non certo un punto di arrivo. Guai se considerassimo questo un punto di arrivo, un approdo

(Teresa Mattei)

Prev Next
Image

Maria De Unterrichter Jervolino

Data di nascita e morte: 1902 Ossana (Trento) - 1975 Napoli

Anni al momento dell'elezione all'Assemblea Costituente: 44

Titolo di studio: laurea in lettere

Professione: insegnante

Sposata al momento dell'elezione: Dal 1930 con Angelo Raffaele Jervolino, avvocato antifascista, anche lui padre costituente. E' la madre di Rosa Russo Jervolino.

Eletta nel collegio di: Collegio unico nazionale

Partito: DC

Apprendistato politico: Presidente delle universitarie cattoliche, come membro dell'associazione “Pax Romana” partecipa, in qualità di delegata dell'Italia, al Congresso di Budapest nel 1924. Presidente nazionale della FUCI dal 1925 al 1929. Membro del centro nazionale dell'Unione Donne Cattoliche e del CIFI, si interessa delle questioni religiose e familiari e di quelle legate all'emancipazione femminile.

In Assemblea costituente:

Fa parte della Commissione per i Trattati internazionali e collabora con De Gasperi alle trattative con l'Austria per la redazione dell'accordo sull'Alto Adige.

Assemblea - Celebrazioni per il ritorno in Italia di Maria Montessori - Seduta CIX, 03.05.1947

Free HTML5 Bootstrap Template by FREEHTML5.co

Successive legislature: rieletta nel 1948 è assegnata alla Commissione per i rapporti con l'estero; rieletta nel 1953 è membro della direzione del comitato permanente per il Mezzogiorno e sottosegretaria alla pubblica Istruzione. Rieletta nel 1958, fa parte della III Commissione Affari Esteri, Emigrazione ed è componente della Commissione parlamentare per la vigilanza sulle radiodiffusioni. Presiede nel 1958 la Commissione ministeriale per l'elaborazione degli orientamenti delle attività educative nelle scuole materne statali. Al termine della legislatura abbandona la vita politica.

Free HTML5 Bootstrap Template by FREEHTML5.co

(© Archivio storico della Camera dei Deputati)

Altri incarichi: abbandonata la vita politica, come membro della Commissione nazionale italiana presso l' UNESCO fa parte del Comitato per l'educazione, le scienze e la cultura. E' presidente del comitato italiano dell'Organizzazione Mondiale Educazione Prescolastica (OMEP) della quale successivamente divenne vicepresidente mondiale fino alla metà degli anni Settanta.
Cofondatrice con Adriano Olivetti, Adriano Ossicini, Guido e Maria Calogero del CEPAS (Centro
di Educazione Professionale per Assistenti Sociali) ne è presidente fino alla morte. Vicepresidente dell'Associazione Internazionale Montessori (AMI), dal 1947 al 1975 è anche presidente dell'Ente Opera nazionale Montessori (ONM). Membro del consiglio di presidenza del Comitato italiano difesa morale e sociale della donna (CIDD), componente del comitato direttivo dell'Unione Nazionale lotta contro l'analfabetismo (UNLA), della Commissione per le ricompense al valore e al merito civile e membro del Consiglio di amministrazione dell'Istitito Orientale di Napoli.

Bibliografia essenziale:

A. Verrina (a cura di), Deputati e Senatori della Democrazia Cristiana, Emes, Roma 1950.
Dizionario biografico dei meridionali, Istituto Grafico Editoriale Italiano, Napoli 1974.
A. Manzo, De Unterrichter Jervolino Maria, in Dizionario storico del movimento cattolico in Italia 1860-1980, vol. III, t. I, Le figure rappresentative, Marietti, Casale Monferrato 1984.
AA.VV., Le donne nel Parlamento della Repubblica dalla Consulta alla VII Legislatura, Fondazione Cesira Fiori, s.l. 1989.
Le donne e la Costituzione, Atti del Convegno promosso dall’Associazione degli ex-parlamentari, Roma 22-23 marzo 1988, Camera dei Deputati, Roma 1989.
C. Dau Novelli, Le donne in Parlamento, in Il Parlamento Italiano. Storia parlamentare e politica dell’Italia 1861-1988, vol. XV, 1948-1949, De Gasperi e la scelta occidentale, la strategia del centrismo, Nuova CEI, Milano 1991.
F. Falcucci, Maria Jervolino, in Grande Enciclopedia della Politica. I protagonisti dell’Italia democratica. Le democristiane, 1947-1954, EBE, Roma 1993.
M. Mafai (a cura di), Le donne italiane. Il chi è del ’900, Rizzoli, Milano 1993.
M. Addis Saba, M. De Leo, F. Taricone, Alle origini della Repubblica. Donne e Costituente, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Commissione nazionale per la parità e le pari opportunità tra uomo e donna, Dipartimento per l’informazione e l’editoria, Roma 1996.
S. Spinoso, La lobby delle donne: legge Merlin e CIDD Un modo diverso di fare politica, Rubbettino, Soveria Mannelli 2005.
G. Galeotti, Storia del voto alle donne in Italia, Biblink, Roma 2006.